Lorenzo Musetti

Lorenzo Musetti
Lorenzo Musetti nel 2023
NazionalitàBandiera dell'Italia Italia
Altezza185 cm
Peso78 kg
Tennis
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 115–101 (53.24%)
Titoli vinti 2
Miglior ranking 15º (26 giugno 2023)
Ranking attuale ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Bandiera dell'Australia Australian Open 2T (2024)
Bandiera della Francia Roland Garros 4T (2021, 2023)
Bandiera del Regno Unito Wimbledon SF (2024)
Bandiera degli Stati Uniti US Open 3T (2022)
Altri tornei
 Giochi olimpici 1T (2020)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 15–24 (38.46%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 142º (1 aprile 2024)
Ranking attuale ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Bandiera dell'Australia Australian Open 1T (2022)
Bandiera della Francia Roland Garros 1T (2021)
Bandiera del Regno Unito Wimbledon 1T (2021, 2022)
Bandiera degli Stati Uniti US Open 1T (2022)
Altri tornei
 Giochi olimpici 2T (2020)
Palmarès
 Coppa Davis
OroCoppa Davis 2023
 United Cup
ArgentoUnited Cup 2023
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 12 luglio 2024
Modifica dati su Wikidata · Manuale

Lorenzo Musetti (Carrara, 3 marzo 2002) è un tennista italiano.

Ha conquistato due titoli ATP su tre finali disputate, tra cui il 500 di Amburgo nel 2022. Nelle prove del Grande Slam ha raggiunto la semifinale a Wimbledon nel 2024, quarto italiano della storia a riuscire nell’impresa, dopo Nicola Pietrangeli, Matteo Berrettini e Jannik Sinner.[1] Il suo ranking migliore è la 15ª posizione, raggiunta il 26 giugno 2023, settimo miglior piazzamento ottenuto da un tennista italiano dall'introduzione del sistema di calcolo computerizzato.

Nel 2023 è stato componente della squadra italiana che ha riportato la Coppa Davis in Italia dopo 47 anni, il più giovane del proprio paese ad aver realizzato l'impresa.

A livello Juniores è stato nº 1 del mondo[2] e ha vinto sette titoli, tra cui gli Australian Open nel 2019, quando, all'età di 16 anni e 10 mesi, è diventato il più giovane italiano di sempre a essersi aggiudicato uno Slam Under-18.

È allenato da Simone Tartarini e Corrado Barazzutti.

Biografia

Figlio di Sabrina, impiegata, e Francesco, operaio in una cava di marmo, inizia a giocare a tennis all'età di cinque anni. All'eta di otto anni i genitori lo indirizzano al Circolo Tennis Spezia, dove entra in contatto con il suo attuale coach Simone Tartarini, insieme al quale si trasferisce qualche anno più tardi allo Junior Tennis San Benedetto, dalla parte opposta della città. Grazie ai risultati ottenuti a livello Under 18, si impone all'attenzione del Centro Tecnico Federale di Tirrenia, che nel 2017 inizia a farlo allenare sotto la supervisione di Filippo Volandri: tre volte a settimana a Tirrenia e tre nel suo circolo. Ha frequentato il liceo linguistico. Destrimano, gioca il rovescio a una mano.[3]

Nel 2020 trasferisce la propria residenza a Monte Carlo[4]. Il 15 marzo 2024 nasce il figlio Ludovico, avuto dalla compagna Veronica Confalonieri.[5]

Carriera

2016-2018: finale agli US Open Juniores, esordio nel professionismo

Nel 2016, all'età di 14 anni, vince il doppio di Les Petits As in coppia con il connazionale Lorenzo Rottoli. Poco dopo solleva il suo primo trofeo in singolare conquistando il Grade 5 del torneo National Sport Park Open U18, disputato sul cemento di Tirana, superando in due set l'italiano Duccio Petreni.

Nel febbraio del 2017, si aggiudica il primo titolo su terra rossa, nel Grade 4 della nona edizione dei Kenya International Junior Championships, battendo in finale Filippo Moroni. Nello stesso torneo vince anche la prova di doppio in coppia con Lorenzo Rottoli. Nel giugno dello stesso anno conquista il terzo titolo Under 18 imponendosi sulla terra rossa del Grade 2 Miedzynarodowy Turniej Juniorów o Puchar Slaska, svoltosi a Bytom, dove nell'atto conclusivo sconfigge il connazionale Emiliano Maggioli.

Il 25 luglio, all'età di 15 anni, disputa il suo primo incontro in carriera a livello professionistico partecipando al torneo Futures Italy F23 di Pontedera dopo aver superato il tabellone di qualificazioni. Viene sconfitto in due set da Christian Lindell, n. 370 della classifica ATP.

Ad aprile 2018 conquista la 43ª edizione del Trofeo Città di Firenze battendo in finale, in due set, il tedesco Leopold Zima, lo stesso avversario sconfitto poi il 6 maggio nell'atto conclusivo della 35ª edizione del Torneo Bayer di Salsomaggiore Terme, categoria Grade 2, disputato sul rosso. Un mese più tardi conquista l'Allianz Kundler German Juniors supported by OPTIMAL SYSTEMS, il suo sesto titolo, primo di categoria Grade 1, sulla terra rossa di Berlino, trionfando in finale sull'argentino Facundo Díaz Acosta. In giugno raggiunge i quarti di finale al torneo Juniores di Wimbledon.

Il 24 luglio disputa il suo secondo incontro in carriera a livello professionistico partecipando, grazie a una wild card, al torneo Futures Italy F20 di Pontedera. Viene sconfitto in tre set dal brasiliano José Pereira, n. 520 della classifica ATP.

A settembre giunge in finale agli US Open Juniores, primo tennista italiano a realizzare l'impresa diciotto anni dopo Andrea Gaudenzi. A impedirgli di sollevare il trofeo è Thiago Seyboth Wild, che lo sconfigge in tre set (1-6, 6-2, 2-6).[3][6]

Al termine della stagione 2018 è n. 4 del ranking ITF Juniores.

2019: trionfo agli Australian Open Juniores, prime vittorie nel professionismo

Inaugura la stagione con il trionfo agli Australian Open Juniores, superando in finale Emilio Nava dopo aver salvato un match point nel super tie-break; diventa così il primo tennista italiano della storia a conquistare lo Slam under 18 di Melbourne, il quinto uomo italiano ad aggiudicarsi un Major a livello giovanile e il più giovane italiano di entrambi i sessi a realizzare questo exploit.[7][8]

Il 12 febbraio, all'età di 16 anni, vince il suo primo incontro a livello professionistico. Sul cemento dell'ITF M25 di Barnstaple, cui partecipa grazie a uno Junior Exempt, supera in tre set lo statunitense Felix Corwin, n. 675 del ranking ATP, al quale annulla tre match point. Negli ottavi di finale, viene eliminato in due set dal francese Sadio Doumbia. La settimana successiva, grazie a una wild card, disputa il suo primo incontro a livello Challenger, al torneo di Bergamo, e viene eliminato in due set dal russo Roman Safiullin.

Grazie a un'altra wild card, prende parte al torneo di Sophia-Antipolis. Il 1º aprile, subito dopo aver compiuto i 17 anni di età, vince il suo primo incontro a livello Challenger battendo al primo turno l'egiziano Karim-Mohamed Maamoun, n. 463 della classifica mondiale col punteggio di 3-6, 6-1, 6-2. Diventa così il primo giocatore al mondo nato nel 2002 ad aver vinto un incontro di questo livello.[9] La vittoria gli garantisce i primi 5 punti ATP grazie ai quali, l'8 aprile, fa il suo ingresso nella classifica mondiale, alla posizione n. 582. Grazie agli ottavi di finale raggiunti nei tornei Challenger 80 di Barletta e Francavilla al Mare sale di oltre 120 posti nel ranking mondiale dove, il 29 aprile, si attesta alla posizione n. 455.

Il 10 giugno raggiunge la prima posizione della classifica mondiale ITF.

Dopo due eliminazioni consecutive al primo turno nei tornei di Vicenza e Parma, raggiunge la sua prima semifinale Challenger, senza perdere un set, al torneo di Milano. Entrato grazie a una wild card, all'esordio elimina il russo Pavel Kotov. Nei sedicesimi di finale sconfigge Tarō Daniel, n. 110 del mondo, concedendogli un solo game (6-1, 6-0). Negli ottavi prevale sul dominicano José Hernandez-Fernandez, mentre nei quarti supera Marcelo Arévalo. In semifinale si arrende in due set a Hugo Dellien.

Il 5 ottobre alza il suo primo trofeo da professionista vincendo il torneo di doppio all'M25 di Santa Margherita di Pula in coppia con Giulio Zeppieri. Due settimane più tardi conquista il primo titolo in singolare all'ITF M15 di Adalia, sconfiggendo in finale l'ungherese Fábián Marozsán in due set. La settimana successiva, nella stessa località, si aggiudica il secondo titolo consecutivo grazie al successo in finale sul russo Ronald Slobodchikov, in due partite. Nel suo ultimo torneo dell'anno giunge ai quarti di finale al Challenger di Ortisei, dove beneficia di una wild card. Nei primi tre turni supera il tedesco Benjamin Hassan, il n. 119 ATP Gianluca Mager e negli ottavi Bernabé Zapata Miralles, prima di arrendersi a Sebastian Ofner, dopo tredici incontri vinti consecutivamente.

Chiude la stagione al n. 360 della classifica ATP.

2020: terzo turno a Roma, primo titolo Challenger e prima semifinale ATP

Il 16 gennaio supera con il punteggio di 6-2, 6-1 Amir Weintraub nel primo turno delle qualificazioni degli Australian Open, vincendo il suo primo incontro nel tabellone cadetto di un torneo ATP. Al secondo turno sconfigge in rimonta Marius Copil, n. 151 della classifica mondiale per poi cedere in due set a Tallon Griekspoor.

Al Challenger di Quimper supera le qualificazioni sconfiggendo in tre set Jaroslav Pospíšil; al primo turno del tabellone principale viene battuto da Tejmuraz Gabašvili in due partite. Nel successivo Challenger di Cherbourg supera i primi due turni contro l'austriaco Lucas Miedler e il giapponese Hiroki Moriya per poi arrendersi negli ottavi di finale a Quentin Halys in tre parziali. Al Challenger di Bergamo esce di scena al primo turno per mano del francese Baptiste Crepatte.

Al torneo ATP 500 di Dubai entra nel tabellone di qualificazioni grazie a una wild card. Al primo turno elimina in due set Alexei Popyrin, n. 100 del ranking ATP e primo top 100 da lui sconfitto in carriera e nel turno decisivo la spunta su Evgenij Donskoj con un doppio tie-break. A 17 anni e 11 mesi, diventa il primo tennista nato nel 2002 a disputare un incontro nel circuito maggiore.[10] Il sorteggio del tabellone principale lo mette di fronte ad Andrej Rublëv dal quale viene sconfitto in due set. Il 2 marzo fa il suo esordio nella top 300, alla posizione numero 286 della classifica mondiale.

Al torneo di Trieste, raggiunge la sua seconda semifinale Challenger in carriera, grazie ai successi, senza perdere un set, nei confronti di Daniel Altmaier, Alexei Popyrin, testa di serie n. 1 e n. 102 del ranking, e Juan Pablo Ficovich. A negargli l'accesso alla sua prima finale di categoria è Carlos Alcaraz, proveniente dalle qualificazioni.

Il 14 settembre, superando il tabellone cadetto degli Internazionali d'Italia, al quale partecipa grazie a una wild card, conquista per la prima volta l'accesso al tabellone principale di un torneo Masters 1000, sconfiggendo nell'ordine Bernabé Zapata Miralles, Leonardo Mayer e Giulio Zeppieri. Nel primo turno del tabellone principale elimina in due set Stan Wawrinka, n. 17 del mondo e testa di serie n. 10, e nel secondo Kei Nishikori. Si ferma al terzo turno, battuto da Dominik Koepfer. Il 21 settembre raggiunge la posizione numero 180 del ranking mondiale.

La settimana successiva conquista il suo primo titolo Challenger in carriera, agli Internazionali di Forlì, ai quali partecipa grazie a una wild card. Al primo turno sconfigge Tejmuraz Gabašvili in due set; negli ottavi di finale la spunta in tre partite sulla testa di serie numero 1 Frances Tiafoe. Nei quarti concede appena quattro giochi ad Andreas Seppi e nel penultimo atto supera Lloyd Harris ritiratosi nel set decisivo. La finale lo vede trionfare su Thiago Monteiro in due tie-break.[11]

Il 28 settembre sale alla posizione numero 138 della classifica ATP.

Nel Challenger di Parma esce agli ottavi di finale sconfitto da Frances Tiafoe, dopo aver eliminato Federico Gaio al primo turno.

Nella prima edizione del 250 di Pula diventa il primo tennista al mondo nato nel 2002 a raggiungere una semifinale del circuito maggiore, grazie ai successi in sequenza, senza perdere un set, su Pablo Cuevas, Andrea Pellegrino e Yannick Hanfmann.[12] Un infortunio al braccio patito durante la semifinale lo costringe al ritiro.

Il 19 ottobre sale alla posizione numero 123 della classifica mondiale, chiudendo poi l'anno cinque posizioni più in basso.

2021: semifinali ad Acapulco e Lione, ottavi a Parigi, top 60

Musetti al Roland Garros 2021

Nelle qualificazioni per l'Australian Open perde al primo turno contro Botic van de Zandschulp. Tornato nel circuito challenger, esce al secondo turno del torneo di Istanbul contro Benjamin Bonzi. Nei due tornei di Adalia, prima si spinge fino alla finale, persa in tre set contro Jaume Munar, mentre la settimana successiva, viene fermato da Leonardo Mayer. Raggiunge nuovamente la finale al Challenger di Biella II, sconfiggendo Stefano Napolitano, Lukáš Lacko, Ernests Gulbis (a cui concede solo 6 giochi), Andreas Seppi, prima di arrendersi all'atto conclusivo a Kwon Soon-woo. Il 22 febbraio sale alla posizione n. 115 della classifica ATP. Dopo aver superato i tre match di qualificazione dell'ATP 500 di Acapulco, al primo turno sconfigge Diego Schwartzman, n. 9 del mondo, per 6-3, 2-6, 6-4, conquistando al primo tentativo la sua prima vittoria contro un top 10. Negli ottavi di finale ha la meglio al tie-break del set decisivo su Frances Tiafoe. Superando in due set Grigor Dimitrov, diventa il più giovane tennista italiano a essersi qualificato per la semifinale di un torneo ATP 500, dove viene sconfitto in due set da Stefanos Tsitsipas. Il 22 marzo sale alla posizione n. 94 della classifica ATP, diventando il giocatore più giovane in top 100. La settimana successiva prende parte al Masters 1000 di Miami. Nei primi due turni supera Michael Mmoh e Benoît Paire, entrambi in due set. Nei sedicesimi di finale si arrende a Marin Čilić in due partite.

Inizia la sua stagione sulla terra rossa europea, partecipando all'ATP 250 di Cagliari, dove al primo turno concede un solo gioco a Dennis Novak. Negli ottavi di finale la spunta al tie-break del set decisivo sulla testa di serie n. 1 Daniel Evans, dopo aver annullato quattro match point, di cui tre consecutivi. Nei quarti viene sconfitto in tre set da Laslo Đere. Al Masters 1000 di Monte Carlo esce di scena al primo turno contro Aslan Karacev in due set. A Barcellona entra in tabellone grazie a una wild card e arriva al secondo turno, dove viene sconfitto da Félix Auger-Aliassime, dopo aver superato all'esordio Feliciano López. Agli Internazionali d'Italia supera il primo turno sconfiggendo la testa di serie n. 15 Hubert Hurkacz ritiratosi durante il secondo set dopo aver perso il primo, per poi arrendersi a Reilly Opelka con un doppio 6-4. Nel 250 di Lione approda alla sua terza semifinale ATP in carriera, la seconda in stagione, battendo al primo turno la testa di serie numero 7 Félix Auger-Aliassime e al secondo Sebastian Korda, entrambi in tre set. Nei quarti di finale sconfigge Aljaž Bedene in due partite prima di arrendersi in tre set al numero 5 del mondo Stefanos Tsitsipas. Nel 250 di Parma si ferma al secondo turno contro Yoshihito Nishioka dopo aver sconfitto Gianluca Mager all'esordio.

Il 31 maggio, al Roland Garros, esordisce nel tabellone principale di un torneo del Grande Slam e sconfigge in tre set David Goffin, numero 13 del mondo. Al secondo turno, sempre in tre set, vendica la sconfitta subita a Parma contro Yoshihito Nishioka e nei sedicesimi di finale disputa e vince il suo primo incontro in cinque set, eliminando Marco Cecchinato, diventando il secondo tennista italiano dell’era Open a raggiungere gli ottavi di finale alla prima presenza nel tabellone principale di un Major, 37 anni dopo l'impresa realizzata da Francesco Cancellotti. A sbarrargli la strada è il numero uno del mondo Novak Đoković, futuro vincitore del torneo, contro il quale è costretto al ritiro nel quinto set a causa di problemi fisici, sul punteggio di 6(7)–7, 6(2)–7, 6-1, 6-0, 4-0 in favore del serbo. Il 21 giugno raggiunge la posizione numero 58 della classifica mondiale.

In luglio, grazie al forfait di Jannik Sinner, prende parte alle Olimpiadi di Tokyo 2020 dove viene eliminato al primo turno da John Millman.[13] Nel suo esordio assoluto agli US Open elimina Emilio Nava in quattro set, prima di cedere in tre partite a Reilly Opelka. Nei mesi successivi colleziona 2 vittorie a fronte di 6 sconfitte ai tornei di Nur Sultan, Sofia e Indian Wells, Anversa, Vienna e Paris-Bercy. Si qualifica alle Next Gen ATP Finals dove viene eliminato al Round Robin. Chiude la stagione alla posizione n. 59 del ranking mondiale.

2022: titoli ad Amburgo e Napoli, top 30

Musetti nella vittoriosa finale della Tennis Napoli Cup 2022

La sua prima esperienza nel main draw degli Australian Open lo vede uscire al primo turno, in quattro set, contro Alex de Minaur. A febbraio, a Pune, torna dopo otto mesi a disputare i quarti di finale nel circuito maggiore, dove viene sconfitto da Kamil Majchrzak. Stessa sorte a Rotterdam, dove, dopo aver battuto in tre set Hubert Hurkacz, testa di serie n. 4 e undicesimo giocatore del mondo, si arrende al qualificato Jiří Lehečka nel set decisivo. Il 5 marzo esordisce in Coppa Davis contro la Slovacchia e, superando in rimonta Norbert Gombos, regala all'Italia il punto decisivo per la qualificazione alla fase finale della manifestazione, mentre il 7 marzo sale alla posizione n. 56 del ranking ATP.

Sempre nei quarti di finale si ferma a Marrakech, dove elimina Albert Ramos e Carlos Taberner, prima di essere sconfitto da Laslo Đere. Raggiunge per la prima volta gli ottavi di finale al Masters 1000 di Monte Carlo, grazie ai successi su Benoit Paire e sul n. 9 del mondo e sesta testa di serie, Félix Auger-Aliassime, secondo top 10 da lui battuto in carriera. A estrometterlo dal torneo è Diego Schwartzman. Nel 500 di Barcellona, sconfigge Sebastián Báez e Daniel Evans per poi cedere nuovamente a Diego Schwartzman. Nel suo esordio assoluto al Masters 1000 di Madrid, supera il tabellone di qualificazioni e raggiunge gli ottavi di finale grazie ai successi su Il'ja Ivaška e Sebastian Korda, ritirandosi poi a causa di un infortunio durante il match contro Alexander Zverev. Il 9 maggio raggiunge la posizione n. 51 della graduatoria mondiale. Al Roland Garros esce al primo turno per mano di Stefanos Tsitsipas, numero 4 del mondo, dopo essere stato in vantaggio di due set. Torna a giocare nel circuito Challenger conquistando per la seconda volta in carriera il torneo di Forlì. Su erba raccoglie tre eliminazioni consecutive al primo turno, a Stoccarda, al Queen's Club Championships e a Wimbledon. Tornato sulla terra rossa, a Båstad, esce all'esordio contro Laslo Đere.

Dopo sei sconfitte consecutive nel circuito maggiore, di cui cinque al primo turno, torna alla vittoria nel primo incontro dell'ATP 500 di Amburgo, dove supera in rimonta Dušan Lajović annullando due match point nel secondo set. Nei sedicesimi di finale elimina in due set Emil Ruusuvuori, mentre nei quarti si impone sempre in due frazioni su Alejandro Davidovich Fokina. In semifinale sconfigge in due set Francisco Cerúndolo raggiungendo la sua prima finale ATP in carriera. Nell'ultimo atto batte Carlos Alcaraz, numero 6 del mondo e testa di serie numero 1 del torneo, conquistando il suo primo titolo ATP, e diventando il più giovane tennista italiano ad aver battuto un top 10 in una finale del circuito maggiore. Il 1º agosto entra per la prima volta nella top 30 del ranking, attestandosi al 30º posto. Conclude la stagione su terra nel 250 di Umago dove si ferma agli ottavi di finale, sconfitto in due set dal qualificato Marco Cecchinato.

Lo swing estivo sul cemento americano inizia con due precoci eliminazioni; a Cincinnati viene estromesso dal vincitore del torneo Borna Ćorić, mentre a Winston-Salem cede in tre set a Richard Gasquet. Al primo turno degli US Open la spunta al super tie-break del quinto set contro David Goffin, dopo oltre 4 ore e mezzo di gioco, vincendo il suo primo incontro in carriera al quinto set sul cemento. Al secondo sconfigge in quattro partite il qualificato olandese Gijs Brouwer, raggiungendo per la prima volta i sedicesimi di finale a Flushing Meadows, dove si arrende in quattro set a Il'ja Ivaška.

Il 14 settembre, in occasione dell'incontro di singolare contro Borna Gojo, valido per la fase a gironi della Coppa Davis contro la Croazia, ottiene il suo primo successo nella manifestazione. Nell'ATP 250 di Sofia si spinge fino alla semifinale, la sua prima sul cemento indoor, dove viene sconfitto dal vincitore del titolo Marc-Andrea Hüsler[14]. Nel 250 di Firenze, dove è testa di serie nº 3, approda in semifinale per la terza volta in stagione, eliminando Bernabé Zapata Miralles e Mackenzie McDonald, ai quali concede complessivamente otto giochi. Nel penultimo atto viene sconfitto in due set dal vincitore del torneo Félix Auger-Aliassime. Nel 250 di Napoli è 4° tra le teste di serie e conquista il suo secondo titolo ATP in carriera, il primo sul cemento, senza perdere un set, battendo negli ottavi di finale Laslo Đere, nei quarti Daniel Galán e in semifinale Miomir Kecmanovic, l'unico in grado di strappargli un turno di servizio. In finale trionfa in due set sulla testa di serie nº 2 e nº 16 del mondo Matteo Berrettini.[15] Il 24 ottobre sale alla posizione nº 23 della classifica mondiale.

A Parigi-Bercy giunge per la prima volta ai quarti di finale al livello di Masters 1000, grazie ai successi su Marin Čilić, Nikoloz Basilašvili e sul numero 4 del mondo e testa di serie n. 3 Casper Ruud, primo top 5 da lui sconfitto in carriera[16] A sconfiggerlo è il n. 7 del mondo Novak Djokovic che gli concede tre giochi. Alle Next Gen ATP Finals, viene eliminato nel Round Robin, mentre in Coppa Davis viene sconfitto sempre in due set da Taylor Fritz e Félix Auger-Aliassime. Conclude la stagione al numero 23 del ranking.[17]

2023: ottavi a Parigi, Coppa Davis, top 15

Inizia il 2023 partecipando alla United Cup, in cui vince le sfide di singolare contro il norvegese Viktor Durasovic, il polacco Daniel Michalski e Felipe Meligeni Alves. In semifinale sconfigge il greco Stefanos Sakellaridis, mentre in finale si ritira dopo aver perso il primo set contro Frances Tiafoe, a causa di un infortunio alla spalla destra, contribuendo alla sconfitta dell'Italia contro gli Stati Uniti. Agli Australian Open viene eliminato al primo turno contro Lloyd Harris al tie-break del quinto set. Nei cinque tornei successivi, tra i quali figurano i due Masters 1000 primaverili americani, ottiene un solo successo, contro Pedro Cachín, nell'ATP 250 di Buenos Aires.

Avvia la stagione su terra, raggiungendo i quarti di finale sia a Marrakech (dove è testa di serie numero 1 e viene eliminato da Alexandre Müller), che per la prima volta al Masters 1000 di Montecarlo. Qui, nei primi due turni supera Miomir Kecmanović e Luca Nardi (6-0, 6-0), mentre negli ottavi di finale la spunta in tre set su Novak Djokovic, diventando l'ottavo e più giovane tennista italiano ad aver sconfitto il leader del ranking ATP, oltreché il primo ad aver realizzato l'impresa nel torneo monegasco. Nei quarti raccoglie soltanto quattro giochi contro Jannik Sinner (2-6, 2-6). Prosegue l'ottima stagione su terra raggiungendo per la prima volta la semifinale nell'ATP 500 di Barcellona, grazie ai successi su Jason Kubler e Cameron Norrie, nonché al forfait di Jannik Sinner nei quarti di finale. Nel penultimo atto si arrende in tre set al numero 5 del mondo e testa di serie numero 2 Stefanos Tsitsipas. Nel Masters 1000 di Madrid esce al primo turno a opera del qualificato Yannick Hanfmann, mentre agli Internazionali d'Italia viene sconfitto ancora una volta da Stefanos Tsitsipas negli ottavi di finale, dopo aver superato la wild card Matteo Arnaldi e Frances Tiafoe, numero 12 del mondo. Alla terza partecipazione al Roland Garros, raggiunge per la seconda volta gli ottavi di finale, grazie alle vittorie su Mikael Ymer, Alexander Shevchenko e Cameron Norrie. L'accesso ai quarti gli viene impedito dal numero 1 del mondo Carlos Alcaraz, che si impone in tre set.

Nel 250 di Stoccarda ottiene la sua prima vittoria a livello professionistico su erba, a spese del qualificato Borna Gojo. Negli ottavi di finale elimina Grégoire Barrère, prima di arrendersi nei quarti a Frances Tiafoe. Giunge ai quarti di finale anche al Queen's, superando la wild card Jan Choinski e Ben Shelton, per poi cedere il passo al numero 6 del mondo Holger Rune. Il 26 giugno sale alla posizione nº 15 della classifica ATP, la settima raggiunta da un tennista Italiano dall'introduzione, nel 1973, del sistema di calcolo computerizzato. Alla sua terza partecipazione a Wimbledon, supera i primi due turni, senza perdere un set, contro Juan Pablo Varillas e Jaume Munar, mentre nei sedicesimi di finale viene estromesso da Hubert Hurkacz in tre partite. Conclude la stagione europea tornando a giocare sul rosso a Båstad raggiungendo la semifinale, grazie ai successi su Matteo Arnaldi, al tie-break del terzo set e, in rimonta, sul qualificato Filip Misolic. Nel penultimo atto viene sconfitto dal numero 4 del mondo e testa di serie numero 1 Casper Ruud. Si ferma invece ai quarti il suo cammino nell'ATP 500 di Amburgo dove viene sconfitto in due set da Laslo Đere.

In entrambi i Masters 1000 estivi nordamericani viene eliminato in due set da Daniil Medvedev: alla sua prima partecipazione al torneo di Toronto, cede negli ottavi avendo eliminato Yoshihito Nishioka e Thanasi Kokkinakis, mentre a Cincinnati si ferma al secondo turno dopo aver sconfitto Daniel Evans nel match d'esordio. Agli US Open esce per la prima volta al primo turno, eliminato in cinque set da Titouan Droguet. Successivamente, viene convocato nella fase a gironi di Coppa Davis, dove viene sconfitto in due set da Gabriel Diallo, nella sfida comunque vinta dall'Italia contro il Canada.

Nel 250 di Chengdu, raggiunge la decima semifinale in carriera, battendo il qualificato australiano Philip Sekulic in tre set e Arthur Rinderknech in due, prima di cedere a Roman Safiullin. Nel 500 di Pechino elimina Karen Chačanov al primo turno, in tre set, e viene eliminato dal n. 2 del mondo Carlos Alcaraz per 6-2, 6-2. Negli ultimi quattro tornei della stagione, compresi i Masters 1000 di Shanghai e Parigi, raccoglie altrettante sconfitte al primo turno. Pur perdendo contro Miomir Kecmanović nella semifinale contro la Serbia[18], conquista la seconda Coppa Davis nella storia del tennis italiano, 47 anni dopo quella vinta dai Quattro Moschettieri[19]. Chiude la stagione in top 30, alla posizione n. 27 del ranking mondiale.[20]

2024: semifinale a Wimbledon e finale al Queen's

Lorenzo Musetti al Piemonte Open 2024

Dopo aver concluso il 2023 con sei sconfitte consecutive, avvia la nuova stagione tornando alla vittoria all'esordio del 250 di Hong Kong[21] contro la wild card locale Coleman Wong, per poi arrendersi a Pavel Kotov. Nel torneo di Adelaide esce al secondo turno contro Aleksandr Bublik. Alla sua terza partecipazione, vince il suo primo incontro nel tabellone principale degli Australian Open battendo Benjamin Bonzi, per poi cedere al quinto set a Luca Van Assche. Prosegue la sua striscia negativa su cemento, non andando mai oltre il secondo turno e raccogliendo tre eliminazioni all'esordio. Migliori sono i risultati nel Masters 1000 di Indian Wells, elimina Denis Shapovalov per poi cedere a Holger Rune. Fa meglio al Masters di Miami, dove batte Roman Safiullin e il top 20 Ben Shelton, tornando a vincere due incontri consecutivi dopo oltre 6 mesi. Negli ottavi si arrende al n. 2 del mondo Carlos Alcaraz.[22]

Inizia lo swing sulla terra rossa europea uscendo al primo turno del torneo di Estoril. All'esordio a Monte Carlo ottiene la sua centesima vittoria ATP contro Taylor Fritz, quindi ha la meglio su Arthur Fils, per poi essere eliminato agli ottavi da Novak Djokovic. Successivamente colleziona due sconfitte consecutive ai tornei di Barcellona e Madrid. Raggiunge due finali Challenger ai tornei di Cagliari (sconfitto da Mariano Navone) e Torino (dove perde da Francesco Passaro), inframezzate dall'eliminazione al primo turno agli Internazionali d'Italia. Al Roland Garros viene eliminato nei sedicesimi di finale dal numero uno del mondo Novak Djokovic in cinque set.[23]

A Stoccarda si spinge per la prima volta in semifinale sull'erba, dove viene eliminato da Matteo Berrettini. Al Queen's disputa la sua terza finale ATP, la prima sull'erba, grazie anche al successo sul n. 7 del mondo Alex de Minaur. Nell'ultimo turno viene sconfitto in due set da Tommy Paul. Grazie alla vittoria ai quarti su Fritz, diventa il quarto tennista italiano della storia a raggiungere la semifinale del singolare maschile a Wimbledon, la sua prima in uno Slam, dove viene sconfitto da Djokovic in tre set.

Caratteristiche tecniche e stile di gioco

Tennista caratterizzato da una completezza di repertorio (gioco di volo, smorzate, accelerazioni, slice e topspin con entrambi i fondamentali)[24] che l'avevano portato già a livello junior ad un tennis dal livello elevatissimo che è riuscito a mantenere anche a livello di circuito professionistico maggiore grazie a una capacità decisionale superiore che gli fa scegliere il colpo più adatto in base alle circostanze di gioco, senza entrare in confusione tattica per la varietà di soluzioni a sua disposizione.[25]

Il servizio spazia dalle soluzioni piatte, a quelle in slice, e in kick, toccando delle punte di 200 km/h. Da luglio 2022 ha abbandonato la tecnica del foot-up (unire i piedi al servizio, come Nadal) per passare al foot-back (tenere separati i piedi, come Federer). Le seconde palle di servizio, col foot-up,[26] risultavano infatti spesso timide e gli avversari potevano aggredirle facilmente nella risposta.

Ha un rovescio a una mano fra i più completi, che può usare efficacemente sia in topspin che in slice. Ha un buon timing nell'anticipo sui colpi in lungolinea, in cui il posizionamento dei piedi che gli dava problemi di stabilità è stato molto migliorato,[25] che gli consente di contrattaccare tempestivamente sulle palle lunghe degli avversari. Usa frequentemente anche il rovescio in slice per rallentare il gioco avversario e cambiare l'inerzia dello scambio.

Nel giocare il diritto, con impugnatura western estrema,[26] utilizzava un'apertura con il gomito destro molto piegato indietro (come quello di Nick Kyrgios) con ampie preparazioni che gli impedivano di usare l'anticipo soprattutto nella risposta al servizio su campi -e quindi palle- veloci, dove era costretto a indietreggiare molto rispetto alla linea di fondo campo e a scegliere una risposta bloccata, ottenendo basse percentuali di punti vinti alla risposta,[26] Per tale motivo si sente più a suo agio sulle superfici più lente come quelle in terra che su quelle veloci.[24][25] Ultimamente grazie ai consistenti progressi tecnici, sta migliorando sensibilmente il diritto sulle superfici dure medio-veloci.[25]

Record

È l'unico tennista italiano ad aver raggiunto 3 semifinali su erba in una stagione (2024).

È il più giovane tennista italiano:

  • ad aver vinto un torneo del Grande Slam a livello Juniores (16 anni, 10 mesi, 23 giorni).[7]
  • ad aver raggiunto gli ottavi di finale di un torneo Masters 1000 (18 anni, 6 mesi, 14 giorni).[27]
  • ad aver raggiunto la semifinale di un torneo ATP 500 (19 anni, 16 giorni).[28]
  • ad aver raggiunto gli ottavi di finale alla prima presenza nel tabellone principale di un Major (19 anni, 3 mesi, 4 giorni), impresa compiuta prima di lui nell'era Open soltanto da Francesco Cancellotti.[29]
  • ad aver vinto un torneo del circuito maggiore sconfiggendo in finale un top 10 (20 anni, 4 mesi, 21 giorni).[30]
  • ad aver conquistato la Coppa Davis (21 anni, 8 mesi, 23 giorni).
  • ad aver disputato una finale ATP sull'erba (22 anni, 3 mesi, 20 giorni).

Statistiche

Singolare

Vittorie (2)

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP Tour 500 (1)
ATP Tour 250 (1)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 24 luglio 2022 Bandiera della Germania Hamburg European Open, Amburgo Terra rossa Bandiera della Spagna Carlos Alcaraz 6–4, 6(6)–7, 6–4
2. 23 ottobre 2022 Bandiera dell'Italia Tennis Napoli Cup, Napoli Cemento Bandiera dell'Italia Matteo Berrettini 7–6(5), 6–2

Finali perse (1)

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP Tour 500 (1)
ATP Tour 250 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 23 giugno 2024 Bandiera del Regno Unito Queen's Club Championships, Londra Erba Bandiera degli Stati Uniti Tommy Paul 1–6, 6(8)–7

Doppio

Finali perse (1)

Legenda doppio
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP Tour 500 (0)
ATP Tour 250 (1)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 25 febbraio 2024 Bandiera del Qatar Qatar Open, Doha Cemento Bandiera dell'Italia Lorenzo Sonego Bandiera del Regno Unito Jamie Murray
Bandiera della Nuova Zelanda Michael Venus
6(0)–7, 6–2, [8–10]

Tornei minori

Singolare

Vittorie (4)
Legenda tornei minori
Challenger (2)
Futures (2)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 20 ottobre 2019 Bandiera della Turchia M15 Antalya, Adalia Terra rossa Bandiera dell'Ungheria Fábián Marozsán 7–5, 6–2
2. 27 ottobre 2019 Bandiera della Turchia M15 Antalya, Adalia Terra rossa Bandiera della Russia Ronald Slobodchikov 6–4, 6–1
3. 26 settembre 2020 Bandiera dell'Italia Forlì Challenger, Forlì Terra rossa Bandiera del Brasile Thiago Monteiro 7–6(2), 7–6(5)
4. 5 giugno 2022 Bandiera dell'Italia Forlì Challenger, Forlì (2) Terra rossa Bandiera dell'Italia Francesco Passaro 2–6, 6–3, 6–2
Finali perse (4)
Legenda tornei minori
Challenger (4)
Futures (0)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 31 gennaio 2021 Bandiera della Turchia Antalya Challenger, Adalia Terra rossa Bandiera della Spagna Jaume Munar 7–6(7), 2–6, 2–6
2. 21 febbraio 2021 Bandiera dell'Italia Biella Challenger, Biella Cemento indoor Bandiera della Corea del Sud Kwon Soon-woo 2–6, 3–6
3. 5 maggio 2024 Bandiera dell'Italia Sardegna Open, Cagliari Terra rossa Bandiera dell'Argentina Mariano Navone 5–7, 1–6
4. 19 maggio 2024 Bandiera dell'Italia Torino Challenger, Torino Terra rossa Bandiera dell'Italia Francesco Passaro 3–6, 5–7

Doppio

Vittorie (1)
Legenda tornei minori
Challenger (0)
Futures (1)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 5 ottobre 2019 Bandiera dell'Italia M25 Santa Margherita di Pula, Santa Margherita di Pula Terra rossa Bandiera dell'Italia Giulio Zeppieri Bandiera del Brasile Bruno Sant'Anna
Bandiera dell'Italia Giovanni Fonio
6–3, 1–6, [10–8]

Risultati in progressione

Singolare

Legenda
 V   F  SF QF #T RR Q#  A  Z# PO  O   F-A  SF-B ND

(V) Torneo vinto; raggiunto (F) finale, (SF) semifinale, (QF) quarti di finale, (#T) turni 4, 3, 2, 1; (RR) round - robin; (Q#) Turno di qualificazione; (A) assente dal torneo; (Z#) Zona gruppo Coppa Davis/Fed Cup (con indicazione numero); (PO) play-off Coppa Davis o Fed Cup; vinto un (O) oro, (F-A) argento o (SF-B) bronzo ai Giochi Olimpici; (ND) torneo non disputato.


Statistiche aggiornate al Stuttgart Open 2024.

Torneo 2019 2020 2021 2022 2023 2024 Titoli V-S V%
Grande Slam
Bandiera dell'Australia Australian Open A Q3 Q1 1T 1T 2T 0 / 3 1–3 25%
Bandiera della Francia Roland Garros A A 4T 1T 4T 3T 0 / 4 8–4 67%
Bandiera del Regno Unito Wimbledon A ND 1T 1T 3T 0 / 3 2–3 40%
Bandiera degli Stati Uniti US Open A A 2T 3T 1T 0 / 3 3–3 50%
Vittorie-Sconfitte - - 4–3 2–4 5–4 3–2 0 / 13 14–13 52%
Torneo di fine anno
ATP Finals NQ NQ NQ NQ NQ 0 / 0 0–0  – 
Bandiera dell'Italia Next Gen ATP Finals NQ ND RR RR A 0 / 2 2–4 33%
Vittorie-Sconfitte - - 1–2 1–2 - - 0 / 2 2–4 33%
Nazionale
Giochi Olimpici Non disputati 1T Non disputati 0 / 1 0–1 0%
Coppa Davis A ND QF SF V 0 / 2 2–2 50%
United Cup Non disputata F A 0 / 1 4–1 80%
Vittorie-Sconfitte - - 0–1 2–2 4–1 - 0 / 4 6–4 60%
ATP Tour Masters 1000
Bandiera degli Stati Uniti Indian Wells A ND 1T 2T 2T 3T 0 / 4 2–4 33%
Bandiera degli Stati Uniti Miami A ND 3T 1T 2T 4T 0 / 4 4–4 50%
Bandiera di Monaco Monte Carlo A ND 1T 3T QF 3T 0 / 4 7–4 64%
Bandiera della Spagna Madrid A ND Q2 3T 2T 2T 0 / 3 2–3 40%
Bandiera dell'Italia Roma Q1 3T 2T A 4T 1T 0 / 4 5–4 56%
Bandiera del Canada Montréal/Toronto A ND A A 3T 0 / 1 2–1 67%
Bandiera degli Stati Uniti Cincinnati A A Q1 1T 2T 0 / 2 1–2 33%
Bandiera della Cina Shanghai A Non disputato 1T 0 / 1 0–1 0%
Bandiera della Francia Parigi A A 2T QF 1T 0 / 3 4–3 57%
Vittorie-Sconfitte - 2–1 4–5 8–6 8–9 5–5 0 / 26 27–26 51%
ATP Tour 500
Bandiera dei Paesi Bassi Rotterdam A A A QF A 1T 0 / 2 2–2 50%
Bandiera del Brasile Rio de Janeiro A A A A 1T A 0 / 1 0–1 0%
Bandiera degli Emirati Arabi Uniti Dubai A 1T A 1T A 1T 0 / 3 0–3 0%
Bandiera del Messico Acapulco A A SF A A A 0 / 1 3–1 75%
Bandiera della Spagna Barcellona A ND 2T 3T SF 2T 0 / 4 5–4 56%
Bandiera del Regno Unito Londra A ND A 1T QF F 0 / 3 6–3 67%
Bandiera della Germania Amburgo A A A V QF 1 / 2 7–1 80%
Bandiera della Cina Pechino A Non disputato 2T 0 / 1 1–1 50%
Bandiera dell'Austria Vienna A A 1T A 1T 0 / 2 0–2 0%
Bandiera della Svizzera Basilea A Non disputato 1T A 0 / 1 0–1 0%
Vittorie-Sconfitte - 0–1 4–3 9–5 7-6 0-3 1 / 20 24–19 56%
ATP Tour 250
Bandiera di Hong Kong Hong Kong Non disputato 2T 0 / 1 1–1 50%
Bandiera dell'Australia Adelaide ND A ND 1T A QF 0 / 2 1–2 33%
Bandiera della Francia Marsiglia A A A A A 2T 0 / 1 1–1 50%
Bandiera dell'Argentina Buenos Aires A A A A QF A 0 / 1 1–1 50%
Bandiera dell'India Pune A A ND QF A ND 0 / 1 1–1 50%
Bandiera del Qatar Doha A A A A A 1T 0 / 1 0–1 0%
Bandiera della Francia Lione A ND SF A A A 0 / 1 3–1 75%
Bandiera del Marocco Marrakech A Non disputato QF QF A 0 / 2 3–2 60%
Bandiera del Portogallo Estoril A ND A A A 2T 0 / 1 0–1 0%
Bandiera dell'Italia Parma Non disputato 2T Non disputato 0 / 1 1–1 50%
Bandiera della Germania Stoccarda A ND A 1T QF SF 0 / 3 5–3 63%
Bandiera della Svezia Båstad A ND 1T 1T SF 0 / 3 2–3 40%
Bandiera della Croazia Umago A ND A 2T A 0 / 1 1–1 50%
Bandiera degli Stati Uniti Winston-Salem A ND 1T 2T A 0 / 2 0–2 0%
Bandiera della Cina Chengdu A Non disputato SF 0 / 1 2–1 67%
Bandiera della Francia Metz A ND A 1T A 0 / 1 0–1 0%
Bandiera del Kazakistan Astana ND A 2T 500 A 0 / 1 1–1 50%
Bandiera della Bulgaria Sofia A A 1T SF 2T 0 / 3 2–3 40%
Bandiera dell'Italia Firenze Non disputato SF Non disputato 0 / 1 2–1 67%
Bandiera dell'Italia Pula/Cagliari ND SF QF Non disputato 0 / 2 5–2 71%
Bandiera dell'Italia Napoli Challenger V Non disputato 1 / 1 4–0 100%
Bandiera del Belgio Anversa A A 2T A A 0 / 1 1–1 50%
Vittorie-Sconfitte - 3–1 8–8 12–10 8–5 6–6 1 / 32 37–31 54%
Statistiche carriera
2019 2020 2021 2022 2023 2024 Titoli V–S V%
Tornei ATP disputati 0 3 22 29 26 17 97
Finali ATP perse 0 0 0 0 0 1 1
Tornei ATP vinti 0 0 0 2 0 0 2
Statistiche per superficie
Cemento 0–0 0–1 10–13 20–19 10–14 7–9 1 / 50 47–57 45%
Erba 0–0 0–0 0–1 0–3 6–3 7–2 0 / 9 13–9 59%
Terra battuta 0–0 5–2 11–8 14–7 16–11 4–6 1 / 34 50–34 60%
Vittorie-Sconfitte 0–0 5–3 21–22 34–29 32–29 18–17 110–100
Vittorie (%)  –  63% 49% 54% 52% 51% 52.38%
Ranking 361 128 59 23 27 6 023 724 $

Testa a testa con altri giocatori

Testa a testa con giocatori classificati top 10

Testa a testa di Musetti contro giocatori che si sono classificati nº10 o superiore nella classifica del ranking mondiale.

Giocatore Periodo Incontri Record V% Cemento Erba Terra Ultimo incontro
Giocatori classificati nº1 del ranking
Bandiera della Spagna Carlos Alcaraz 2022-2024 3 1–2 33% 0–1 1–1 Perso (3–6, 3–6) Miami 2024 Quarti di finale
Bandiera della Serbia Novak Đoković 2021–2024 7 1–6 14% 0–2 0–1 1–3 Perso (4–6, 6(2)–7, 4–6) Wimbledon 2024 Semifinale
Bandiera della Russia Daniil Medvedev 2023 2 0–2 0% 0–2 Perso (3–6, 2–6) Cincinnati 2023 2º Turno
Bandiera dell'Italia Jannik Sinner 2021–2023 2 0–2 0% 0–1 0–1 Perso (2–6, 2–6) Monte Carlo 2023 Quarti di finale
Giocatori classificati nº2 del ranking
Bandiera della Norvegia Casper Ruud 2022-2023 2 1–1 50% 1–1 Perso (3–6, 5–7) Båstad 2023 Semifinale
Bandiera della Germania Alexander Zverev 2022 1 0–1 0% 0–1 Perso (3–6, 0–1, rit.) Madrid 2022 3º Turno
Giocatori classificati nº3 del ranking
Bandiera della Svizzera Stan Wawrinka 2020 1 1–0 100% 1–0 Vinto (6–0, 7–6(2)) Roma 2020 1º Turno
Bandiera della Bulgaria Grigor Dimitrov 2021-2023 2 1–1 50% 1–1 Perso (3–6, 4–6) Vienna 2023 1º Turno
Bandiera della Croazia Marin Čilić 2021–2022 2 1–1 50% 1–1 Vinto (6–4, 6–4) Parigi 2022 1º Turno
Bandiera della Grecia Stefanos Tsitsipas 2021–2023 5 0–5 0% 0–1 0–4 Perso (5–7, 5–7) Roma 2023 4º Turno
Giocatori classificati nº4 del ranking
Bandiera del Giappone Kei Nishikori 2020 1 1–0 100% 1–0 Vinto (6–3, 6–4) Roma 2020 2º Turno
Bandiera della Danimarca Holger Rune 2023 1 0–1 0% 0–1 Perso (4–6, 5–7) Londra 2023 Quarti di finale
Giocatori classificati nº5 del ranking
Bandiera della Russia Andrej Rublëv 2020 1 0–1 0% 0–1 Perso (4–6, 4–6) Dubai 2020 1º Turno
Bandiera degli Stati Uniti Taylor Fritz 2022-2024 3 1–2 33% 0–1 1–1 Vinto (3–6, 7–6(5), 6–2, 3–6, 6–1) Wimbledon 2024 Quarti di finale
Giocatori classificati nº6 del ranking
Bandiera dell'Italia Matteo Berrettini 2022 1 1–0 100% 1–0 Vinto (7–6(5), 6–2) Napoli 2022 Finale
Bandiera del Canada Félix Auger-Aliassime 2021–2022 5 2–3 40% 0–2 2–1 Perso (2–6, 3–6) Firenze 2022 Semifinale
Bandiera della Francia Gaël Monfils 2021 1 0–1 0% 0–1 Perso (6(2)–7, 4–6) Vienna 2021 1º Turno
Giocatori classificati nº7 del ranking
Bandiera del Belgio David Goffin 2021–2022 2 2–0 100% 1–0 1–0 Vinto (3–6, 7–5, 6–4, 3–6, 7–6(9)) US Open 2022 1º Turno
Bandiera dell'Australia Alex De Minaur 2022-2024 2 1-1 50% 0-1 1-0 Vinto (1–6, 6–4, 6-2) Queen’s Club Championship 2024 1º Turno
Bandiera della Francia Richard Gasquet 2022 1 0–1 0% 0–1 Perso (6(5)–7, 6–4, 1–6) Winston-Salem 2022 2º Turno
Giocatori classificati nº8 del ranking
Bandiera del Regno Unito Cameron Norrie 2023 2 2–0 100% 2–0 Vinto (6–1, 6–2, 6–4) Open di Francia 2023 3º Turno
Bandiera della Russia Karen Chačanov 2023 1 1–0 100% 1–0 Vinto (6–3, 1–6, 6–2) China Open 2023 1º Turno
Bandiera dell'Argentina Diego Schwartzman 2021–2022 3 1–2 33% 1–0 0–2 Perso (4–6, 5–7) Barcellona 2022 3º Turno
Giocatori classificati nº9 del ranking
Bandiera della Polonia Hubert Hurkacz 2021–2023 4 2–2 50% 1–0 0–2 1–0 Perso (6(4)–7, 4–6, 4–6) Torneo di Wimbledon 2023 3º Turno
Giocatori classificati nº10 del ranking
Bandiera degli Stati Uniti Frances Tiafoe 2021–2023 4 2–2 50% 1–1 0–1 1–0 Perso (7–6(6), 6(4)–7, 6–2) Stoccarda 2023 Quarti di finale
Totale 2020–2024 60 22–38 36,67% 9–18

(33,33%)

1–6

(14,29%)

12–14

(46,15%)

* Statistiche aggiornate al 12 luglio 2024.

Testa a testa con giocatori classificati top 11-20

Record di Musetti contro giocatori che sono stati classificati numero 11-20 del ranking mondiale.

* Statistiche aggiornate al 19 giugno 2023

Vittorie contro top 10 per stagione

Anno 2019 2020 2021 2022 2023 2024 Totale
Vittorie 0 0 1 3 1 1 6
Anno N. Avversario Ranking Torneo Superficie Turno Punteggio
2021 1. Bandiera dell'Argentina Diego Schwartzman 9 Bandiera del Messico Open del Messico, Acapulco Cemento 1T 6–3, 2–6, 6–4
2022 2. Bandiera del Canada Félix Auger-Aliassime 9 Bandiera di Monaco Monte Carlo Masters, Monte Carlo Terra rossa 2T 6–2, 7–6(2)
3. Bandiera della Spagna Carlos Alcaraz 6 Bandiera della Germania Hamburg European Open, Amburgo Terra rossa F 6–4, 6(6)–7, 6–4
4. Bandiera della Norvegia Casper Ruud 4 Bandiera della Francia Paris Masters, Parigi Cemento (i) 3T 4–6, 6–4, 6–4
2023 5. Bandiera della Serbia Novak Đoković 1 Bandiera di Monaco Monte Carlo Masters, Monte Carlo Terra rossa 3T 4–6, 7–5, 6–4
2024 6. Bandiera dell'Australia Alex de Minaur 7 Bandiera del Regno Unito Queen's Club Championships, Londra Erba 1T 1–6, 6–4, 6–2

Onorificenze

Note

  1. ^ Musetti da record: è il secondo italiano più giovane in una semifinale Slam, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 10 luglio 2024.
  2. ^ (EN) www.itftennis.com, https://www.itftennis.com/en/players/lorenzo-musetti/800419761/ita/jt/s/overview/#pprofile-info-tabs Titolo mancante per url url (aiuto). URL consultato il 3 novembre 2022.
  3. ^ a b Sky Sport, Sognando Federer: chi è Lorenzo Musetti, finalista agli US Open Junior, su Sport.Sky.it, 9 settembre 2018. URL consultato il 15 novembre 2019.
  4. ^ (EN) Lorenzo Musetti - Residence, su atptour.com. URL consultato il 16 ottobre 2020.
  5. ^ Lorenzo Musetti diventa papà: è nato il figlio Ludovico, su sport.sky.it, 15 marzo 2024.
  6. ^ (EN) ITF Tennis - JUNIORS - Player Profile - MUSETTI, Lorenzo (ITA), su ITFtennis.com. URL consultato il 15 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2019).
  7. ^ a b Sky Sport, Australian Open Junior 2019: Musetti batte in finale Nava 2-6, 6-4, 7-6. Primo trionfo per un azzurro, su Sport.Sky.it, 26 gennaio 2019. URL consultato il 16 novembre 2019.
  8. ^ Alessandro Dinoia, Musetti vince gli Australian Open Junior! Nava battuto in rimonta, a 16 anni è l'azzurro il campione, su it.Eurosport.com, 26 gennaio 2019. URL consultato il 16 novembre 2019.
  9. ^ Lorenzo Musetti è il primo giocatore classe 2002 a vincere una partita in un main draw challenger, su LiveTennis.it, 1º aprile 2019. URL consultato il 16 novembre 2019.
  10. ^ (FR) Breaking News, Lorenzo Musetti s'habille comme une référence pour la génération 2002, su Vivez l'actualité avec Breakingnews.fr, 23 febbraio 2020. URL consultato il 23 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2020).
  11. ^ Marco Calabresi, Tennis, Lorenzo Musetti vince a Forlì il primo torneo challenger della sua carriera, su Corriere della Sera, 26 settembre 2020. URL consultato il 25 dicembre 2020.
  12. ^ Open di Sardegna, Musetti e Cecchinato in semifinale, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 25 dicembre 2020.
  13. ^ Olimpiadi - Musetti, primo allenamento a Tokyo. La Guinea lascia: "Paura del Covid", su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 22 luglio 2021.
  14. ^ Giovanni Pelazzo, ATP Sofia: Musetti esce tra i rimpianti, Huesler firma l’impresa e vola in finale, su ubitennis.com, 1º ottobre 2022. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  15. ^ Antonio Garofalo, ATP Napoli, Lorenzo è Magnifico. Musetti batte Berrettini e fa sognare l’Italia, su ubitennis.com, 23 novembre 2022. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  16. ^ Paolo Di Lorito, ATP Parigi-Bercy: un fantastico Musetti batte Ruud n.4 del mondo e dà spettacolo, su ubitennis.com, 3 novembre 2022. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  17. ^ (EN) Lorenzo Musetti | Rankings History | ATP Tour | Tennis, su ATP Tour. URL consultato il 12 luglio 2024.
  18. ^ Coppa Davis, Musetti cede a Kecmanovic in tre set: Serbia-Italia 1-0, su la Repubblica, 25 novembre 2023. URL consultato il 12 luglio 2024.
  19. ^ Sky TG24, Coppa Davis, Italia trionfa: cavalcata verso la vittoria e festa. FOTO, su tg24.sky.it, 26 novembre 2023. URL consultato il 12 luglio 2024.
  20. ^ Ranking 2023, su eurosport.com.
  21. ^ Sky Sport, Musetti ritrova la vittoria: Wong ko in 2 set, su sport.sky.it, 2 gennaio 2024. URL consultato il 12 luglio 2024.
  22. ^ Margherita Sciaulino, ATP Miami, Musetti dopo il ko con Alcaraz: “Non mi aspettavo una settimana così positiva", su Ubitennis, 27 marzo 2024. URL consultato il 12 luglio 2024.
  23. ^ Sky Sport, LIVE. Musetti sfida Djokovic nel 3° turno del Roland Garros, su sport.sky.it, 2 giugno 2024. URL consultato il 12 luglio 2024.
  24. ^ a b Lorenzo Picardi, Musetti, un progetto a lungo termine, su inchiostrovirtuale.it, 24 gennaio 2021. URL consultato il 5 gennaio 2023.
  25. ^ a b c d Federico Principi, Nessuno gioca come Lorenzo Musetti, su ultimouomo.com, 12 novembre 2020. URL consultato il 5 gennaio 2023.
  26. ^ a b c Giorgio di Maio, Lorenzo Musetti sta arrivando, su ultimouomo.com, 24 ottobre 2022. URL consultato il 5 gennaio 2023.
  27. ^ Intervista al tennista Lorenzo Musetti, su cinquantamila.it. URL consultato il 25 giugno 2021.
  28. ^ Dove vedere Musetti-Tsitsipas: streaming gratis e diretta tv Atp Acapulco, su SuperNews, 19 marzo 2021. URL consultato il 25 giugno 2021.
  29. ^ Parigi: Musetti da urlo, è negli ottavi con Sinner e Berrettini. Record nell'Era Open, su Supertennis, 5 giugno 2021. URL consultato il 1º luglio 2021.
  30. ^ Gianluca Sartori, Musetti terzo italiano più giovane a vincere un titolo ATP. La classifica, su Ubitennis, 25 luglio 2022. URL consultato il 25 luglio 2022.
  31. ^ Consegnati i Collari d'Oro 2023. Malagò: "sport eccellenza del Paese, vissuto triennio di risultati unici", su coni.it, 22 dicembre 2023. URL consultato il 25 dicembre 2023.

Altri progetti

Altri progetti

  • Wikiquote
  • Wikimedia Commons
  • Collabora a Wikiquote Wikiquote contiene citazioni di o su Lorenzo Musetti
  • Collabora a Wikimedia Commons Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su Lorenzo Musetti

Collegamenti esterni

  • (EN) Lorenzo Musetti, su atpworldtour.com, ATP Tour Inc. Modifica su Wikidata
  • (EN) Lorenzo Musetti, su itftennis.com, ITF. Modifica su Wikidata
  • (EN) Lorenzo Musetti, su daviscup.com, ITF. Modifica su Wikidata
  • (EN) Lorenzo Musetti, su tennistemple.com. Modifica su Wikidata
  • (EN) Lorenzo Musetti, su Olympedia. Modifica su Wikidata
  • Scheda di Lorenzo Musetti Archiviato il 25 gennaio 2019 in Internet Archive. su ITF Juniors Profile
  • Scheda di Lorenzo Musetti su usopen.org
  • Scheda di Lorenzo Musetti su CoreTennis
  Portale Biografie
  Portale Tennis